Smartworking all'isola d'Elba, lontano dal caos e vicino al relax

Smartworking all’isola d’Elba, lontano dal caos e vicino al relax

La possibilità di essere attivi in Smartworking si sta diffondendo sempre di più e, già che ci siamo, perché non scegliere una meta che, appena fuori la stagione balneare, appare attraente, tranquilla, comoda e pratica, come l’isola d’Elba? Sono già in molti che hanno deciso di passarci del tempo lontano dal “continente”, tra la pace della vita di paese e a due passi dalla natura.

Abbiamo deciso di raccontarvi una giornata tipo, dal punto di vista di una nostra amica e collega bolognese, che, durante questa primavera, ha deciso di trasferirsi per qualche mese, complice le tariffe più abbordabili anche per un soggiorno piuttosto lungo.

Allora G******, ci racconti un po’: com’è stato lavorare a distanza, dall’Elba?

Prima di tutto – e a differenza di quanto mi aspettassi! – ho subito cominciato a coltivare delle buone abitudini. Mi svegliavo alle 7:15, facevo colazione nel mio appartamento, e per prima cosa, scendevo di casa per passeggiare almeno 20 minuti per arrivare sulla spiaggia. Ogni giorno, non sono mancata neanche una volta.

Non ti veniva voglia di startene lì tutto il giorno?

No, cioè sì! L’aria iodata del mare è un toccasana per avere uno sprint in più per la giornata, ed era diventata una routine a cui non volevo rinunciare.
Tornavo in casa, accendevo il computer e iniziavo a lavorare. C’è da dire che mi piace lavorare: faccio siti internet e il lavoro, per fortuna non manca.
Qui potrei già darvi il primo consiglio: anche se qualche volta vi distraete, mettetevi ad una finestra dove si sente il mare: il rumore, l’odore, magari la possibilità di vederlo, anche se da qualche distanza, vi farà benissimo all’umore. Ci sono cose – come dire? avvolgenti che esistono solo su di un’isola. Chi c’è stato, lo sa.
A pranzo, alcune volte scendevo per le vie del paese, dove avevo trovato dei ristorantini buonissimi, magari quelli dove vanno a mangiare anche i locali. Altrimenti pranzavo tranquillamente in casa.
Un altro consiglio: la mattina, oltre alla camminata, potete andare per i mercati cittadini a comprare quello che più vi va da mangiare! Qui, chiaramente, non è mai mancato il pesce (su tutti il polpo, una mia grande passione).

News simili

Spazio-Bolano-feature
31 Luglio, 2023

Dalle forme all'anima

Nuovo spazio espositivo dedicato all'artista elbano Italo Bolano all'interno delle Fortezze Medicee >
Innamorata-01
12 Luglio, 2023

Venerdì 14 luglio ritorna la rievocazione della "Leggenda dell’Innamorata"

Autunno-Cultura-1
23 Agosto, 2021

L'autunno all'isola d'Elba è all'insegna della cultura

È la cultura il fil rouge che lega gli appuntamenti dell’autunno elbano, tra libri, musica, cinema, storia e arte contemporanea. >

Tag

Segui Visit Elba sui social

Miniere di Rio Marina

Luogo strategico per la grande quantità di ematite e limonite subito individuato dall'imperatore appena sbarcato sull'isola come asse strategico-militare.
Posizione: Rio Marina

Spiaggia della Paolina

La spiaggia prende il nome dall’isolotto che si trova a pochi metri dalla riva, a sua volta intitolato alla sorella di Napoleone Bonaparte che, secondo una leggenda (probabilmente creata da un imprenditore turistico negli anni ’60) amava prendere il sole su questi scogli.

Posizione: Marciana

Villa San Martino

Designata come residenza estiva, Napoleone acquistò la proprietà dalla famiglia Manganaro nel 1814, con l’intento di trasformarla in dimora confortevole e raffinata, che non avesse nulla da invidiare alle residenze parigine.

Posizione: Località San Martino (Portoferraio)

Villa dei Mulini

Costruita nel 1724 dal Gran Duca Gastone de’ Medici, fu la residenza di città di Napoleone durante la sua prima permanenza all’isola d’Elba.

Posizione: Portoferraio

Santuario di Monserrato

Fu fatto costruire in segno di gratitudine nel 1606da José Pons y León dei duchi di Arcos, governatore spagnolo di Napoli e primo governatore della piazza di Longone (facente parte dello stato dei presidi). Nel settembre del 1814 Napoleone, accompagnato da Pons e da Bertrand volle visitare il santuario.

Posizione: Località Monserrato (Portoazzurro)

Museo Mineralogico MUM

Se oggi l’economia elbana è basata sul turismo, rimane il fatto che gli abitanti di San Piero e della costa occidentale (Pomonte) hanno vissuto e continuano a vivere anche grazie al loro granito e marmo

Posizione: San Piero in Campo

Porto e Torre di Marciana Marina

Visita il porto dove approdò Maria Walewska e la torre di guardia armata visitata dallo stesso Napoleone nel 1814

Posizione: Marciana Marina